Le strutture sono divise funzionalmente in “nuclei” che accolgono tra i 15 e i 20 Ospiti.
Ogni nucleo fa riferimento a un Medico al quale competono l’attività diagnostica (visite, richieste di accertamenti clinici e indagini strumentali), prescrizioni terapeutiche e/o per interventi riabilitativi.
È inoltre compito del Medico di nucleo coordinare l’intera équipe assistenziale che coinvolge tutte le altre figure professionali presenti nelle Strutture.

La Coordinatrice del servizio infermieristico e ausiliario, coadiuvata dalla Referente ASA OSS, organizza il lavoro del personale infermieristico e ausiliario, tiene i rapporti con tutti gli altri servizi di cui la RSA si avvale (cucina, pulizie, lavanderia/guardaroba, amministrativo, animazione, manutenzione).
È la persona di riferimento per le problematiche riguardanti gli aspetti socio-assistenziali degli ospiti.

Gli infermieri e il personale ausiliario lavorano insieme per garantire all’Ospite tutta l’assistenza di cui abbisogna, finalizzata non solo a soddisfare i bisogni primari (alimentazione, igiene, mobilizzazione), ma anche alla conservazione e/o al recupero della massima autonomia funzionale e relazionale possibile.

Tale approccio riabilitativo si compie anche con la collaborazione dei Terapisti della riabilitazione e dei massofisioterapisti che si avvalgono anche della consulenza di un Medico Fisiatra.
L’assistenza medica nelle strutture è garantita per tutte le 24 ore, in parte con fasce di presenza attiva e in parte con il ricorso al servizio di pronta disponibilità.

Le strutture si avvalgono anche della consulenza di liberi professionisti: neurologo, psichiatra, cardiologo, psicologo e nutrizionista.

Le figure professionali che operano nella RSA sono rappresentate da: terapisti della riabilitazione e massofisioterapisti, animatrici, infermieri e personale ausiliario con qualifica di Operatore Socio Sanitario o Ausiliario Socio Assistenziale.

Tutti gli operatori sanitari, ausiliari, operai e amministrativi, nonché i volontari e le badanti, sono identificabili tramite un cartellino che riporta la foto, i dati anagrafici e la qualifica operativa.

Il personale addetto all'assistenza

Inoltre il personale addetto all’assistenza è riconoscibile attraverso le divise di colore differente:

  • divisa bianca colletto rosso: coordinatore/trice servizio infermieristico-ausiliario;
  • divisa bianca colletto verde: infermiere;
  • divisa bianca colletto giallo: terapisti della riabilitazione e masso-fisioterapisti;
  • divisa bianca colletto arancio: educatore/animatrici;
  • divisa azzurra: personale addetto all’assistenza dell’Ospite.

Nelle strutture è inoltre presente un’Assistente Sociale che svolge funzioni di :

– segretariato sociale, attività che ha come obiettivo quello di fornire informazioni dei servizi offerti dalla struttura, sui requisiti e sulla procedura di accoglienza e sulle pratiche di invalidità;
– attività di counselling verso ospiti, familiari ed operatori al fine di favorire l’inserimento e la buona permanenza dell’ospite all’interno della struttura;
– attività di collegamento e collaborazione con enti e servizi esterni.
L’Assistente Sociale è a disposizione del pubblico previo appuntamento.

Importante, e numerosa, risulta inoltre essere la presenza di Volontari che coadiuvano le Animatrici nella loro attività:
– organizzazione delle uscite e delle gite;
– progettazione delle attività di laboratorio finalizzate al recupero funzionale delle abilità manuali e alla stimolazione della creatività dell’ospite;
– accompagnamento Ospiti alla S. Messa o all’esterno della struttura in occasione di visite o commissioni;
– aiuto nell’organizzazione delle feste per compleanni e in occasioni particolari (Santo Natale, Carnevale, etc.);
– favorire la socializzazione e l’integrazione nella struttura.